Telstra afferma che la svolta è in corso poiché telco vede un calo continuo delle vendite e della redditività

telstra-logo-gettyimages.jpg

Immagine: Getty Images

Giovedì, il CEO di Telstra Andy Penn è stato ottimista, poiché ha consegnato i risultati dell’intero anno della società al 30 giugno.

“Siamo rimasti disciplinati nell’esecuzione della nostra strategia T22 in tempi incerti, il nostro duro lavoro sta dando i suoi frutti e la svolta è arrivata”, ha affermato l’amministratore delegato.

I numeri stessi rendono la lettura molto più deludente, con cali generalizzati che continuano rispetto allo scorso anno e miglioramenti pochi e rari.

Le entrate complessive della società sono diminuite di quasi il 12% a 23,1 miliardi di dollari australiani, gli utili al lordo di interessi, tasse e ammortamenti (EBITDA) sono scesi della stessa percentuale a 7,4 miliardi di dollari australiani e con una riduzione dell’imposta sul reddito del 44% a 500 dollari australiani milioni rispetto allo scorso anno, Telstra è stata in grado di abbandonare il 2021 affermando di aver aumentato l’utile netto del 3,4% a 1,9 miliardi di dollari australiani.

Abbattendo le sue entrate, Telstra ha visto un calo dell’1,7% nel mobile postpagato a 4,8 miliardi di AU, la banda larga mobile è scesa del 4,4% a 612 milioni di AU e le vendite di hardware sono crollate del 24,5% a 2,3 miliardi di AU. Diretto nella direzione opposta, il prepagato ha registrato un aumento del 4,7% a 809 milioni di dollari australiani, il commercio all’ingrosso mobile è salito del 20,8% a 267 milioni di dollari australiani e le entrate dell’IoT sono aumentate dell’1,2% a 246 milioni di dollari australiani.

Tutto sommato, significava che il mobile ha contribuito in meno dell’8,1% alle entrate quest’anno, per un totale di 9,3 miliardi di dollari australiani.

Positivamente per l’azienda, il ricavo medio per utente (ARPU) è aumentato dell’1,3% a 48,16 AU$ al mese per il postpagato e il prepagato è salito del 12,7% a 21,46 AU$ al mese.

Telstra ha ora 8.585 milioni di servizi postpagati, con un aumento di 101.000 che consisteva in 67.000 servizi a marchio Telstra e 34.000 da Belong, mentre i servizi prepagati sono scesi del 4,9% su base annua a 3.157 milioni e 135.000 servizi a banda larga mobile hanno lasciato l’azienda con 3 milioni. Le connessioni Internet of Things sono cresciute del 23,6% a 4,68 milioni nell’ultimo anno e i clienti mobili all’ingrosso sono aumentati da 240.000 a 1,75 milioni.

“Abbiamo continuato a vedere una forte crescita dei clienti nei cellulari, anche se non c’è dubbio che il mercato abbia rallentato considerevolmente a causa del COVID”, ha affermato Penn.

“Ciò ha incluso la brusca inversione dell’immigrazione netta e la crescita della popolazione in Australia, nonché la carenza di forniture di hardware”.

Penn ha anche evidenziato un aumento delle entrate nel servizio mobile del 3,7% per il secondo semestre, il primo in quattro anni, e ha aggiunto che l’aumento delle vendite del postpagato a marchio Telstra ha mostrato il suo successo nel 5G.

“Ai nostri concorrenti piace parlare delle loro reti 5G, ma non sono della stessa categoria”, ha detto.

“La nostra rete 5G è ora più del doppio del nostro prossimo concorrente più vicino. Copriamo oltre il 75% della popolazione e i nostri clienti sanno che questa copertura è importante, con oltre 1,6 milioni di dispositivi 5G già connessi”.

Le prestazioni della linea fissa dell’azienda hanno avuto meno punti positivi rispetto ai dispositivi mobili, con ricavi per consumatori e piccole imprese in calo del 6,8% a 4,7 miliardi di dollari australiani, le imprese hanno registrato un calo del 9,3% a 3,7 miliardi di dollari australiani e il commercio all’ingrosso in calo del 27,6% a 1,36 miliardi di dollari australiani. Per l’EBITDA, i consumatori e le piccole imprese sono crollati al 52% a AU $ 273 milioni, le imprese sono scese del 23% a AU $ 887 milioni e il commercio all’ingrosso è sceso del 31% a AU $ 621 milioni.

Diminuzioni simili sono state osservate nel numero di servizi nel segmento fisso, i consumatori e le piccole imprese hanno visto bundle e dati standalone dall’1,9% a 3,64 milioni, la voce standalone è scesa del 40% a 416.000 e Foxtel dei clienti di Telstra è sceso del 16,5% a 528.000; l’impresa è scesa del 7,4% a 188.000 servizi e il commercio all’ingrosso ha visto scendere il 65,5% dei servizi legacy fissi a 248.000 e i dati e la connettività all’ingrosso sono diminuiti dell’11,4% a 31.000 servizi.

telstra-david-burns.png

David Burns, dirigente del gruppo aziendale Telstra

Immagine: Telstra

Telstra ha affermato di ritenere di aver assorbito il 90% dei venti contrari alla migrazione dalla sua attività fissa che è stata sostituita da NBN Co.

Mentre la società si avvicina al back-end della sua strategia T22, Penn ha affermato che la società ha ridotto la sua forza lavoro diretta di 8.000 posti di lavoro netti, superando il suo obiettivo di 1.500 nuove assunzioni in aree come ingegneria del software, analisi dei dati, sicurezza informatica e intelligenza artificiale .

“Abbiamo ridotto la nostra forza lavoro di un terzo, riducendo il nostro organico diretto e indiretto di oltre 25.000 in risposta al trasferimento di una parte sostanziale della nostra attività all’NBN e alle nostre iniziative di digitalizzazione ed efficienza”, ha affermato.

“Abbiamo rimosso in media più di quattro livelli di gestione”.

Penn ha aggiunto che la società ora conta 17.000 persone in tutta l’azienda che lavorano in modo agile, oltre a rimuovere le clausole dai contratti di lavoro che stabiliscono gli uffici in cui i dipendenti devono lavorare.

“È chiaro nella mia mente che inizialmente non abbiamo risposto in modo rapido o sufficientemente significativo alla realtà dell’impatto dell’NBN su Telstra che, come sapete, ha un impatto negativo sull’EBITDA di almeno 3,5 miliardi di dollari all’anno”, ha disse.

“Prima di T22 non eravamo abbastanza concentrati sulla trasformazione e sul miglioramento del core business per mitigare questo problema, eravamo troppo dipendenti da investimenti al di fuori del core”.

In un aggiornamento sul suo piano per riportare tutti i negozi con licenza Telstra sotto la sua proprietà, Telstra ha affermato di aver raggiunto accordi con la maggior parte dei licenziatari.

La società aveva pianificato di sottoporre la sua prevista ristrutturazione al voto degli azionisti durante l’assemblea generale di ottobre, ma tali piani sono stati abbandonati con la società di telecomunicazioni che ha affermato che ora lo avrebbe fatto in una riunione separata entro la fine dell’anno.

Secondo il piano, Telstra si sarebbe ristrutturata in entità fisse, a torre e di servizio. L’entità del servizio otterrebbe la maggior parte di Telstra, possedendo la sua attività di vendita al dettaglio, l’elettronica attiva e la rete di accesso radio, lo spettro, oltre a offrire servizi e prodotti ai clienti. L’ente esistente di Telstra e il suo debito starebbero con InfraCo Fixed.

A giugno, Infra Co Towers ha venduto una quota del 49% di se stessa per 2,8 miliardi di dollari australiani a un consorzio che comprende Future Fund, Commonwealth Superannuation Corporation e Sunsuper.

Da sola, InfraCo ha registrato un calo dei ricavi del 19,7% a 3,75 miliardi di dollari australiani e l’EBITDA in calo del 3,4% a 2,6 miliardi di dollari australiani. Il fatturato è stato di 2,2 miliardi di dollari australiani di reddito passivo, in crescita dello 0,9%, e InfraCo Towers ha registrato un aumento del fatturato del 4,3% a 340 milioni di dollari australiani”.

“Le nostre reti rimangono le più grandi e le migliori d’Australia. Agile sta trasformando il modo in cui lavoriamo e, insieme al nostro modello di lavoro ibrido, sta aiutando le nostre persone a sentirsi supportate e a dare il meglio di sé nonostante le restrizioni legate al COVID”, ha affermato Penn.

Guardando al futuro, Telstra ha affermato che migliorerà la sua esperienza del cliente, in particolare per i clienti regionali, completerà il suo programma di digitalizzazione, introdurrà il 5G autonomo e completerà la sua ristrutturazione.

Copertura correlata

  • Telstra Health prenderà MedicalDirector per 350 milioni di AU$
  • Telstra rende le chiamate pubbliche gratuite in tutta l’Australia
  • Boost Mobile per rimanere sulla rete Telstra per un altro decennio
  • Il CEO di Telstra vuole che NBN comunichi alle telco le velocità della linea in rame per prevenire vendite fuorvianti
  • ACCC trascina Telstra, Optus e TPG in tribunale per presunte affermazioni fuorvianti sulla velocità di NBN FttN
  • Telstra spazza via i siti finanziati nell’ambito del Round 5A del programma blackspot mobile
  • Telstra InfraCo apre “centri dati carrier-neutral” a Sydney e Melbourne

Leave a Reply