Stati Uniti e UE alla ricerca di armonia sulla regolamentazione delle grandi tecnologie

grande tecnologia
Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico

I massimi funzionari dell’UE e degli Stati Uniti alla fine di questo mese cercheranno di sintonizzare le loro strategie sulla regolamentazione delle grandi tecnologie e sulla difesa dei valori democratici su Internet, ha affermato giovedì una dichiarazione.

La creazione di un consiglio tecnologico UE-USA è stata concordata in un vertice di giugno e il suo lavoro inizia mentre entrambe le parti stanno elaborando leggi che potrebbero cambiare profondamente il modo in cui giganti come Google, Facebook o Apple fanno affari.

Quasi certamente gli Stati Uniti spingeranno l’Europa a frenare le ambizioni della superpotenza emergente cinese.

Il 29 settembre si terrà a Pittsburgh, un hub tecnologico statunitense, il primo Trade and Tech Council transatlantico.

Sarà presieduto dal Segretario di Stato americano Antony Blinken, dalla Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti Katherine Tai e dal Segretario per il Commercio Gina Raimondo.

Da parte europea, i vicepresidenti esecutivi dell’UE Margrethe Vestager, il capo della tecnologia del blocco, e Valdis Dombrovskis guideranno i colloqui.

Il consiglio è arrivato su richiesta degli europei che hanno cercato segnali concreti di pacificata cooperazione transatlantica dopo anni di tensioni sotto il presidente Donald Trump, soprattutto in materia commerciale.

“Questo incontro inaugurale … segna il nostro impegno congiunto per espandere e approfondire il commercio e gli investimenti transatlantici e per aggiornare le regole per l’economia del 21° secolo”, ha affermato una dichiarazione congiunta.

“Sulla base dei nostri valori democratici condivisi e della più grande relazione economica del mondo, abbiamo lavorato duramente… per identificare le aree in cui possiamo adottare misure concrete per garantire che le politiche commerciali e tecnologiche siano efficaci per la nostra gente”, ha aggiunto.

La dichiarazione afferma che l’incontro consisterà in 10 gruppi di lavoro su argomenti che includono la cooperazione sugli standard tecnologici, la sicurezza e la sicurezza della catena di approvvigionamento e le violazioni dei diritti umani online.


Leave a Reply