Scoperta di un “Santo Graal” con l’invenzione della memoria universale del computer

Scoperta di un
Questo nuovo dispositivo di memoria elettronica consentirebbe ai computer che non hanno bisogno di avviarsi e che potrebbero entrare in una modalità di sospensione a risparmio energetico, anche tra i tasti. Credito: Università di Lancaster

Un nuovo tipo di memoria per computer che potrebbe risolvere la crisi energetica della tecnologia digitale è stato inventato e brevettato dagli scienziati della Lancaster University nel Regno Unito.

Il dispositivo di memoria elettronico (descritto in una ricerca pubblicata su) Rapporti scientificiromise di trasformare la vita quotidiana con il suo consumo energetico ultra basso.

In casa, i risparmi energetici derivanti dall’illuminazione e dagli elettrodomestici efficienti sono stati completamente spazzati via dall’aumento dell’uso di computer e gadget e si prevede che entro il 2025 uno “tsunami di dati” consumerà un quinto dell’elettricità globale.

Ma questo nuovo dispositivo ridurrebbe immediatamente di un quinto il consumo energetico di picco nei data center.

Permetterebbe anche, ad esempio, ai computer che non hanno bisogno di avviarsi e che potrebbero entrare istantaneamente e impercettibilmente in una modalità di sospensione a risparmio energetico, anche tra i tasti.

Il dispositivo è la realizzazione della ricerca di una “Memoria Universale” che ha preoccupato per decenni scienziati e ingegneri.

Il professore di fisica Manus Hayne della Lancaster University ha dichiarato: “La memoria universale, che ha dati archiviati in modo robusto che possono essere facilmente modificati, è ampiamente considerata irrealizzabile, o addirittura impossibile, ma questo dispositivo dimostra le sue proprietà contraddittorie”.

Un brevetto statunitense è stato assegnato per il dispositivo di memoria elettronica con un altro brevetto in corso di registrazione, mentre diverse aziende hanno manifestato interesse o sono attivamente coinvolte nella ricerca.

Gli inventori del dispositivo hanno utilizzato la meccanica quantistica per risolvere il dilemma della scelta tra l’archiviazione dei dati stabile e a lungo termine e la scrittura e la cancellazione a basso consumo energetico.

Il dispositivo potrebbe sostituire il mercato da 100 miliardi di dollari della Dynamic Random Access Memory (DRAM), che è la “memoria di lavoro” dei computer, nonché la memoria a lungo termine nelle unità flash.

Mentre la scrittura dei dati su DRAM è veloce ea basso consumo energetico, i dati sono volatili e devono essere continuamente “aggiornati” per evitare che vadano persi: questo è chiaramente scomodo e inefficiente. Flash archivia i dati in modo affidabile, ma la scrittura e la cancellazione sono lente, richiedono molta energia e li deteriorano, rendendoli inadatti alla memoria di lavoro.

Il professor Hayne ha dichiarato: “L’ideale è combinare i vantaggi di entrambi senza i loro svantaggi, e questo è ciò che abbiamo dimostrato. Il nostro dispositivo ha un tempo di memorizzazione dei dati intrinseco che si prevede superi l’età dell’Universo, ma può registrare o eliminare i dati utilizzando 100 volte meno energia della DRAM.”


Leave a Reply