Microsoft incontra Skype: si tratta dell’impianto idraulico delle videoconferenze

Ora che Microsoft possiede Skype, il settore può finalmente accontentarsi di uno standard di videoconferenza?

Così Microsoft ha acquistato Skypeper 8,5 miliardi di dollari. Devo dire che sono sorpreso da questo tanto quanto chiunque altro. 8,5 miliardi di dollari sono un sacco di soldi per un servizio VOIP/telepresenza, ed è stata una mossa del tutto inaspettata da parte del gigante del software di Redmond.

Ma come fa notare Larry Dignan, forse c’è un senso da ricavare da tutto questo.

Tempo fa ho scritto dei problemi con la telepresenza personale. La maggior parte delle questioni che ho evidenziato in quell’articolo hanno a che fare con le norme e le barriere sociali, non con i problemi tecnologici. Ma ho fatto notare che ciò che potrebbe impedire alla telepresenza di diventare particolarmente popolare è la mancanza di protocolli unificati per una sessione di videoconferenza “da qualsiasi dispositivo a qualsiasi dispositivo”.

Perché la telepresenza personale fallirà: non è il prezzo

Oggi abbiamo un numero qualsiasi di client e servizi di chat video e VOIP, ma l’interoperabilità tra di loro è praticamente inesistente.

Apple ha FaceTime che funziona tra dispositivi iOS e Mac.

Google ha GTalk che funziona su PC, Mac, Google TV e tablet Android, ma non supporta ancora le videochiamate su smartphone Android o iOS.

Cisco ha i propri protocolli che stanno sviluppando per loro Tablet Cius basato su Android così come il loro Dispositivi di telepresenza personale Umie dispongono di versioni multipiattaforma di WebEx in grado di eseguire videoconferenze (come nella versione iOS) ma non hanno rilasciato nulla di generico Android o iOS per le videoconferenze da persona a persona che possono anche parlare con le loro piattaforme aziendali o persino con un Umi.

E il sistema operativo BlackBerry Tablet basato su QNX di RIM ha la sua chat videoche sebbene fornisca un’esperienza di alta qualità, al momento può parlare solo con altri dispositivi PlayBook.

E non parlerò nemmeno delle altre corse come Frangia e la chat video IM di AOL. Fortunatamente Skype ha acquistato di recente Qikche ora porta quella tecnologia nel portafoglio di Microsoft.

In sintesi, quello che abbiamo in questo momento è un pasticcio di piattaforme che non possono parlare tra loro.

Skype ha una serie di vantaggi che potrebbero far sparire tutti questi problemi, in particolare con il sostegno di Microsoft come uno dei principali attori del settore nello spazio dei sistemi operativi desktop.

Innanzitutto, integrando Skype/Qik nella prossima versione principale di Microsoft Windows Live Messenger assicurerà che ogni copia di Windows con quel client installato sarà in grado di comunicare con Skype installato su Mac, desktop Linux, Windows Phone 7, Android, iOS e QNX (a condizione che sia trasferito su quella piattaforma data la nuova partnership di Microsoft con RIM).

Questo da solo sarà un enorme valore aggiunto, a condizione che ovviamente Apple continui a collaborare e consenta a Microsoft di distribuire uno standard di chat video concorrente sul proprio App Store.

E, naturalmente, avere tutto questo integrato in Live Messenger aggiunge valore aggiunto all’avere un account Live in primo luogo.

Penso che ci sia un altro modo in cui Microsoft potrebbe fare questo, tuttavia, piuttosto che fare affidamento sulla distribuzione di un client Windows Live/Skype standardizzato stesso su altre piattaforme. Questo significherebbe aprire i suoi standard video/VOIP per aziende come Apple, Google, Cisco in modo che tali aziende possano integrare i protocolli stessi nei propri prodotti, come FaceTime, o Umi, o Cius, o GTalk.

In sostanza, fornire l’impianto idraulico e l’infrastruttura per rendere tutti di qualcun’altro il software di chat video funziona.

Ci sono altre funzionalità che Microsoft potrebbe aggiungere a questo mix, come un servizio di messaggistica unificato simile a Google voce. Microsoft potrebbe mettere insieme uno di questi prodotti in casa, oppure potrebbe acquistare un altro giocatore per completare il portafoglio.

Microsoft migliorerà gli standard di comunicazione video e VOIP? Rispondi e fammi sapere.

Leave a Reply