La quota dell’UE di auto elettriche è cresciuta durante i mesi di blocco del virus

La quota dell'UE di auto elettriche è cresciuta durante i mesi di blocco del virus
Un’auto elettrica presso una stazione di carico di un concessionario di auto a Bad Homburg, in Germania, giovedì 3 settembre 2020. (AP Photo/Michael Probst)

La quota di mercato delle auto elettriche in Europa è aumentata durante e subito dopo il peggiore dei blocchi pandemici, i dati del settore hanno mostrato giovedì, anche se le vendite complessive di veicoli di tutti i tipi sono crollate durante il secondo trimestre. Le nuove cifre arrivano quando le case automobilistiche aumentano la produzione di auto elettriche sotto pressione per soddisfare i nuovi severi limiti di emissioni il prossimo anno.

La quota di auto a pagamento è salita al 7,2% per cento nel trimestre aprile-giugno dal 6,8% del primo trimestre, secondo i dati dell’Associazione europea dei produttori di automobili. Le cifre includono sia veicoli a batteria che ibridi plug-in, che combinano una batteria che può essere caricata da una presa a muro con un motore a combustione interna, per estendere l’autonomia.

Le vendite di veicoli a pagamento sono diminuite, a 129.000 da 167.000, ma il mercato complessivo delle auto si è ridotto ancora di più, di oltre il 50 percento sia per le auto diesel che a benzina. Il trimestre aprile-giugno ha incluso il peggiore dei blocchi che hanno limitato i movimenti e gli assembramenti.

La quota di mercato è importante perché le case automobilistiche saranno giudicate in base alla media della loro flotta in base ai nuovi severi limiti sulle emissioni di anidride carbonica che entreranno pienamente in vigore il prossimo anno. I nuovi limiti, volti a combattere il riscaldamento globale, significano che le case automobilistiche devono produrre e vendere più auto a basse emissioni. L’anidride carbonica è il principale gas serra accusato dagli scienziati per il riscaldamento globale.

La seconda metà dell’anno vedrà la più grande casa automobilistica europea, Volkswagen, lanciare le vendite della sua ID.3 a batteria, intesa come opzione elettrica per il mercato di massa a partire da meno di 30.000 euro ($ 35.500). L’adozione delle auto elettriche è stata lenta fino a quest’anno a causa delle preoccupazioni sull’autonomia, sui posti in cui caricare e sui prezzi più elevati. I prezzi delle batterie, tuttavia, sono in calo e un consorzio di case automobilistiche sta costruendo una rete di stazioni di ricarica rapida autostradali. I governi hanno anche aumentato i sussidi per la vendita di veicoli elettrici nell’ambito di programmi di stimolo economico volti ad attutire la recessione pandemica.

L’adozione dell’elettricità è stata fortemente orientata verso i membri occidentali più ricchi dell’UE a 27 paesi. Ad esempio, nel secondo trimestre sono stati registrati 8.137 veicoli a pagamento nei Paesi Bassi rispetto ai 328 della Romania.

La quota delle vendite che è andata alle auto diesel è scesa al 29,4% dal 31,3% dello stesso periodo di un anno fa. Le vendite di diesel sono crollate sulla scia dello scandalo Volkswagen del 2015 per le auto diesel manipolate per imbrogliare gli standard sulle emissioni negli Stati Uniti.

Lucien Mathieu, analista di e-mobility presso la lobby ambientale Transport & Environment, ha affermato che “nonostante la pandemia, le vendite di auto elettriche stanno crescendo a un ritmo senza precedenti” e che i veicoli elettrici e ibridi stanno prendendo quote di mercato dai modelli diesel e benzina, che emettono gas serra gas e inquinanti dannosi per la salute delle persone. “Il 2020 è l’anno dell’auto elettrica in Europa”, ha affermato.

Gli Stati Uniti, con benzina a buon mercato e un governo federale che vuole ridurre i requisiti di risparmio di carburante, si stanno muovendo più lentamente nell’adozione di veicoli elettrici. In Cina, una riduzione dei sussidi ha portato a un rallentamento delle vendite di elettricità alla fine dello scorso anno, ma il governo sta procedendo con i requisiti per veicoli più a basse emissioni a lungo termine.


Leave a Reply