I sistemi sanitari stanno cambiando le persone che non parlano inglese in un breve periodo di tempo

La crisi del COVID-19 mostra la miriade di modi in cui il nostro sistema sanitario può affrontare le sfide e quanto siamo inadeguati a prenderci cura dei pazienti più vulnerabili.

Nel marzo 2020, il numero di casi COVID ha iniziato ad aumentare, quindi I Family vanUna clinica sanitaria mobile che fornisce servizi medici preventivi in ​​alcune delle aree meno servite di Boston. Hanno sottolineato la difficoltà di trovare informazioni multilingue sul COVID e come ciò rendesse difficile ai pazienti non di lingua inglese proteggersi. A quel tempo, né il CDC né il Dipartimento della salute dello Stato pubblicavano informazioni sul COVID in lingue diverse da inglese, spagnolo e cinese, quindi le agenzie sanitarie della comunità si stavano affrettando a mettere insieme informazioni multilingue.

Dopo più di un anno, questo rimane un problema. Offerto da molti governi statali Informazioni limitate sui vaccini in lingue €媜oltre all’inglese, e alcuni siti Web di ricerca di vaccini non forniscono alcuna assistenza linguistica. Tasso di infezione da COVID Diverse volte più alto tra le persone che non parlano inglese Riflette l’epidemia precedente..

Ad oggi, gran parte del dibattito sul miglioramento dell’assistenza ai pazienti non di lingua inglese si è incentrato sugli interpreti medici. Questo è importante; i pazienti che utilizzano un interprete riceveranno più cure preventive, meno eventi avversi e maggiore compliance ai farmaci. Tuttavia, il COVID ci ha insegnato che non è sufficiente avere un interprete disponibile presso il Point of Care. Ci sono molte barriere profondamente radicate e storicamente applicate che impediscono ai pazienti che non parlano inglese di ricevere le cure di cui hanno bisogno. La barriera inizia molto prima che il paziente arrivi in ​​clinica e dura molto dopo l’appuntamento. Ed è giunto il momento di riforme più complete.

Di recente, sono emersi diversi programmi per fornire materiale e assistenza adeguati alla lingua. Questo è anche un impegno guidato dal governo per tradurre le informazioni di sensibilizzazione in diverse lingue e il progetto di alfabetizzazione sanitaria COVID-19, un’iniziativa che ho creato per tradurre le schede informative COVID in 40 le lingue.

Tuttavia, questi sforzi sono ancora soluzioni temporanee. Dopo che questa crisi si è placata, dobbiamo affrontare le barriere che incontrano nell’accesso e nell’elaborazione delle cure mediche, nonché per evitare che le persone che non parlano inglese siano di nuovo in disparte. Non sarà. Ogni parte dell’esperienza del sistema sanitario del paziente non anglofono deve essere riprogettata prima, durante e dopo la prenotazione.

I pazienti hanno bisogno di accedere alle informazioni sanitarie nella loro lingua madre prima di vedere un medico. Gli ospedali e le cliniche possono collaborare con i servizi di interpretariato per tradurre le informazioni sanitarie (ad es. materiali didattici per i pazienti, annunci di servizi pubblici). In collaborazione con il COVID-19 Health Literacy Project, è diventato chiaro che molti fornitori bilingue sono entusiasti di tradurre i materiali nella loro lingua madre. Di conseguenza, gli operatori sanitari possono prendere in considerazione la creazione di un database interno di personale multilingue che possa fornire assistenza secondo necessità.

Anche le agenzie di sanità pubblica possono svolgere un ruolo importante. Ad esempio, puoi assumere traduttori per metterli a disposizione delle organizzazioni cliniche e di assistenza sociale nelle comunità rurali e a basso reddito con un contratto a distanza. Carenza di interpreti. Questo è anche il motivo per cui migrare il progetto di alfabetizzazione sanitaria COVID-19 in una nuova organizzazione senza scopo di lucro. Questa organizzazione senza scopo di lucro fornisce alle organizzazioni della comunità servizi di traduzione gratuiti per tradurre materiali sanitari nella lingua parlata dai pazienti.

Gli sforzi per tradurre le informazioni sanitarie dovrebbero essere combinati con programmi per garantire che queste informazioni raggiungano effettivamente la comunità di immigrati. La chiave è fornire servizi culturalmente e linguisticamente rilevanti ai luoghi in cui le persone vivono e lavorano. Anche il mezzo è importante. Le prove suggeriscono che i non anglofoni preferiscono i messaggi di testo o la comunicazione faccia a faccia. Un buon esempio è New York City Mobile Vaccination Van Fleet, il personale bilingue aiuterà i pazienti a navigare in ogni fase del processo di vaccinazione COVID nella propria lingua.

Per quanto riguarda l’appuntamento stesso, gli operatori sanitari dovrebbero sforzarsi di abbinare i pazienti con operatori sanitari madrelingua. Corrispondenza linguistica È associato a una minore negligenza, una migliore comprensione della malattia e dei piani di trattamento e una maggiore soddisfazione. Naturalmente, questo non è sempre possibile. In caso contrario, sarà necessario utilizzare un interprete qualificato.

Dopo l’appuntamento o il ricovero, i pazienti di solito ricevono istruzioni per la dimissione che dettagliano nuovi piani di dosaggio, istruzioni per l’assistenza domiciliare e appuntamenti di follow-up. Tuttavia, per i pazienti che non parlano inglese, questo documento è raramente tradotto nella loro lingua madre.

Utilizzo di uno strumento di traduzione automatica (come Google Translate) Traduzione automatica delle istruzioni di dimissione Tuttavia, questo approccio deve fare un passo avanti. Dovrebbero essere compiuti sforzi per trasformare il piano di dimissione in una conversazione a cui i pazienti non di lingua inglese possono effettivamente partecipare. Ad esempio, prima della dimissione, il medico fornisce al paziente le istruzioni di dimissione tradotte, conferma verbalmente (con un interprete) e il il paziente ha il tempo e lo spazio per porre domande.

Affinché questi cambiamenti funzionino su larga scala, devono essere rafforzati da riforme politiche. Un buon punto di partenza è rilanciare i regolamenti sui regolamenti linguistici annullati. Recenti normative HHS.. In base alle nuove regole, i fornitori non devono più includere importanti avvisi di comunicazione che informano i pazienti del loro diritto all’assistenza linguistica. Inoltre, la mancanza di un programma di accesso alla lingua non è più una violazione della conformità normativa per molte istituzioni sanitarie finanziate a livello federale. Questi cambiamenti sono un passo indietro e possono abbassare la priorità dell’accesso linguistico per le organizzazioni sanitarie.

Come posso pagare per queste iniziative? Per prima cosa, poiché il governo distribuisce $ 1,32 miliardi di finanziamenti per i centri sanitari comunitari Come parte del CARES Act, è possibile richiedere una certa percentuale di lavoro per costruire l’infrastruttura necessaria per supportare i non anglofoni persone. Inoltre, gli ospedali senza scopo di lucro possono utilizzare i benefici per la comunità (servizi guidati dalla comunità che gli ospedali senza scopo di lucro devono fornire per giustificare il loro status di esenzione fiscale) per finanziare questi programmi. Lo farò.

È chiaro che il nostro sistema sanitario sta fallendo con i pazienti con una conoscenza limitata dell’inglese ed è tempo di agire, abbandonare le soluzioni temporanee e implementare cambiamenti globali per supportare le persone non di lingua inglese in tutto il continuum dell’assistenza sanitaria.

Questo è un articolo di opinione e analisi.Vista espressa da Autore o più autori necessariamente Scientifico americano..

La lontananza non aumenta la resilienza delle barriere coralline, secondo gli ecologi mariniI robot water strider sono azionati dalla tensione superficiale e dall’alcolVideo: un coltello ecologico in legno più affilato dell’acciaio taglia una bisteccaSviluppo di combustibili fossili che supera gli obiettivi climatici globali

Leave a Reply