I simulatori di volo American Link vincono il più importante premio britannico per la conservazione dei computer

Formatore di collegamento presso TechWorks

TechWorks ha vinto il Tony Sale Award per aver riportato in vita un simulatore di volo analogico della seconda guerra mondiale, un General Aviation Trainer (GAT-1) degli anni ’60 e un addestratore Super GAT completamente digitale degli anni ’80. I tre istruttori pilota pionieristici sono a disposizione dei visitatori del museo TechWorks a Binghamton nello Stato di New York.

la tecnologia che ci ha cambiato

  • Gli anni ’70, da Pong ad Apollo
  • Gli anni ’80, da MS-DOS al primo satellite GPS
  • Gli anni ’90, da WorldWideWeb a Google
  • Gli anni 2000, da iPhone a Twitter
  • Gli anni 2010, da Amazon Echo a Pok茅mon Go

La Computer Conservation Society britannica organizza ogni due anni un concorso per il Tony Sale Award per ricordare l’uomo che, tra le altre cose, ha guidato la ricostruzione del computer Colossus ospitato al National Museum of Computing (TNMOC) a Bletchley Park, a nord di Londra.

Inoltre: la macchina di crittografia “indistruttibile” di Hitler e i dispositivi di Bletchley Park che hanno decifrato il codice

Binghamton è stato descritto come “il luogo di nascita della realtà virtuale” perché è qui che Ed Link ha costruito il primo simulatore di volo Link. Il padre di Link possedeva una fabbrica di organi a canne e pianoforti e Link, che sapeva già volare, pensava che rimbalzare sul mantice di un organo fosse un po’ come volare. “Nel 1929, aveva un brevetto per un ‘aeroplano’ che si equilibrava su due paia di soffietti d’organo ed era azionato dai motori del pianista”, secondo la storia di TechWorks.

Link istituì una scuola di addestramento per piloti e nel 1934 iniziò a vendere i trainer Link alle forze armate americane. Alla fine della seconda guerra mondiale, la sua azienda aveva venduto circa 10.000 addestratori e aiutato ad addestrare decine di migliaia di piloti a volare con gli strumenti.

Il professor Martin-Campbell-Kelly, presidente della giuria della TSA, ha dichiarato in una dichiarazione:

Riproducendo nuove applicazioni informatiche che il pubblico può sperimentare in prima persona, il team di TechWorks ci offre un’impressione indimenticabile degli albori dei mondi virtuali. L’eccellente ricerca, l’implementazione qualificata e un risultato di grande impatto rendono questo un superbo esempio del potere e della rilevanza della conservazione del computer, qualcosa che so che avrebbe incontrato l’entusiasmo e l’approvazione del compianto Tony Sale.

I precedenti vincitori del Tony Sale Award, sponsorizzato da Google UK, sono stati l’Heinz-Nixdorf MuseumsForum, per una ricostruzione che mostra come è stato programmato l’ENIAC; l’IBM 1401 Demo Lab del Computer History Museum con sede in California e Z1 Architecture and Algorithms della Libera Università di Berlino, una ricostruzione virtuale del computer meccanico Z1 di Konrad Zuse degli anni ’30; e l’installazione di computer art di David Link, Loveletters.

Simulatore di volo GAT-1 del 1967.

TechWorks ha restaurato un simulatore di volo GAT-1 del 1967.

Tutte le foto dal museo TechWorks, Binghamton

Copertura precedente e relativa

Il veterano del colosso saluta i primi laureati in sicurezza informatica di Bletchley Park

Alcuni dei primi studenti a completare il corso di sicurezza informatica di Qufaro hanno ricevuto i loro certificati da un veterano di 94 anni di decifrazione di codici Colossus. Il corso online è un passo verso la creazione di un college di sicurezza informatica a Bletchley Park.

Macchine viventi: una breve storia dei robot (parte I)

Derideti come abomini o celebrati come ingegnose prodezze dell’ingegneria umana, i robot esistono da più tempo di quanto si pensi.

Bletchley Park in 360: guarda l’interno del quartier generale britannico CNET

CNET ti porta in un coinvolgente tour VR di Bletchley Park, dove Alan Turing e i suoi colleghi hanno distrutto le crittografie naziste durante la seconda guerra mondiale.

La tecnologia che ci ha cambiato: gli anni ’70, da Pong ad Apollo

In questa retrospettiva di 50 anni, non esaminiamo solo la tecnologia anno per anno, ma guardiamo alle tecnologie che hanno avuto un impatto su di noi, hanno aperto la strada al futuro e ci hanno cambiato, nel bene e nel male.

L’American Computer and Robotics Museum: una gemma nello stato del tesoro

Dopo 25 anni va ancora forte.

Le donne che hanno creato l’industria tecnologica TechRepublic

I primi programmatori di computer e i matematici più celebri della storia sono stati le donne.

Leave a Reply