I giochi su Windows 11 avranno un aspetto migliore e si caricheranno più velocemente grazie alla tecnologia Xbox

I giochi su Windows 11 avranno un aspetto migliore e si caricheranno più velocemente grazie alla tecnologia Xbox

I giochi su Windows 11 avranno un aspetto migliore e si caricheranno più velocemente grazie alla tecnologia Xbox

Un grande vantaggio che le macchine Windows hanno rispetto ai Mac è che sono più adatte per i giochi e Microsoft sta cercando di portare avanti una serie di nuovi miglioramenti in arrivo a Windows 11. Al grande evento di Windows di oggi, il vicepresidente aziendale di Microsoft di Xbox, Sarah Bond, è salita sul palco virtuale per annunciare una serie di aggiornamenti alle prestazioni di gioco del PC.

HDR automatico

Una delle principali funzionalità incluse nell’aggiornamento gratuito di Windows 11 è Auto HDR, che, come suggerisce il nome, converte automaticamente una sorgente SDR (standard dynamic range) in un’immagine HDR. Microsoft ha utilizzato un modello di apprendimento automatico per mappare correttamente i toni dei dati di colore e luminosità.

Questa tecnologia ha debuttato con la nuova Xbox Series X|S ed è stata testata con Windows 10 Insider, ma sta diventando stabile con il rilascio di Windows 11. Bond ha affermato che più di 1.000 giochi basati su DirectX 11 o versioni successive verranno automaticamente migliorati su Dispositivi Windows 11 senza che il lettore o lo sviluppatore debbano fare nulla. Naturalmente, ci si aspetta che i giocatori dispongano di un monitor o di un televisore con funzionalità HDR per sfruttare i colori migliorati.

Una diapositiva dell'evento Microsoft che mostra Auto HDR per Windows 11

Ehi tu, finalmente sei sveglio

Archiviazione diretta

Un’altra caratteristica di Xbox Series X|S in arrivo su Windows 11 entro la fine dell’anno è l’API Direct Storage, che fa parte dell’API DirectX 12 Ultimate. Con questa funzione, i giochi avranno tempi di caricamento più rapidi e grafica migliorata, poiché sarà più veloce per loro caricare le risorse sulla GPU senza impantanare la CPU. Altri miglioramenti resi possibili da questa tecnologia includono distanze di disegno maggiori e una maggiore varietà di texture, consentendo ai creatori di giochi di espandere la portata dei loro mondi di gioco.

L’API Direct Storage richiede un’unità SSD ad alta velocità per soddisfare i requisiti di throughput per reindirizzare le chiamate I/O per le risorse grafiche 3D alla GPU. In particolare, avrai bisogno di un “SSD NVMe da 1 TB o superiore per archiviare ed eseguire giochi che utilizzano il driver ‘Standard NVM Express Controller'” secondo Microsoft. ComeArsTechnica sottolinea, Xbox Series X|S si basa su unità classificate per velocità PCI 4.0, quindi non è chiaro se un’unità NVMe PCI 3.0 sarà compatibile.

Oltre a un SSD più veloce, avrai anche bisogno di una GPU compatibile con DirectX 12 Ultimate. Le serie RTX 2000 e RTX 3000 di NVIDIA sono compatibili così come la linea RDNA 2 di AMD.

Microsoft afferma che i PC Windows 11 “ottimizzati per DirectStorage” sono configurati con l’hardware e i driver necessari per abilitare questa funzione, quindi cerca quel marchio nei mesi a venire.

Integrazione Xbox Game Pass e cloud gaming

Windows 11 integrerà anche l’app Xbox più in profondità nel sistema, incluso il supporto integrato per il servizio Xbox Cloud Gaming in modo che gli utenti possano eseguire lo streaming di giochi direttamente sul PC. Avrai comunque bisogno di un abbonamento Xbox Game Pass Ultimate per il cloud gaming, ovviamente. Microsoft ha recentemente iniziato a utilizzare una flotta di console Xbox Series X per migliorare la fedeltà e ridurre la latenza del suo servizio di cloud gaming.

Questo articolo è stato aggiornato alle 15:54 ET per includere ulteriori informazioni sull’API Direct Storage.

Leave a Reply